Cittadini!

tavernaDopo qualche tempo – discreto in verità – torno a scrivere qui. Lo faccio in merito alla contestazione subita da Paola Taverna a Tor Pignattara. Dopo aver affrontato il discorso scherzosamente e con ironia in altri luoghi, twitter e facebook in particolare, sento la necessità di farlo in maniera seria.

Quello che mi interessa non è la contestazione. Non mi interessa neanche mettere in risalto chi la ha fatta e chi la ha subita, o andare a cercarne le cause. Quello che mi interessa è stata la reazione della Taverna. Quel suo gridare “io non sono una politica, non sono una senatrice, sono una cittadina”. Ecco, in queste sue poche – stupide – parole, io ho visto un’offesa ad un’istituzione, alla Costituzione che quell’istituzione prevede e, di conseguenza, a tutti i cittadini che hanno deciso di darsi leggi e istituzioni per regolare il proprio vivere comune.
Essere una senatrice non significa essere parte di una casta. Se così fosse, ad ogni modo, l’incoerenze sarebbe nella scelta di fondo di andare a ricoprire un’incarico per poi autoassolversi negando il proprio ruolo. Ogni politico è e resta un cittadino, ma un cittadino con più oneri che proprio il fatto di diventare parte di un’istituzione assegna. Quello che c’è da vedere è se poi quel cittadino, una volta divenuto senatore (o deputato), svolga il proprio ruolo con competenza e onestà, rispettando così l’istituzione e i cittadini. Ed è proprio questa la cosa che mi ha dato fastidio nell’ascoltare ieri le parole della Taverna. “Rubare” non è l’unico modo di offendere l’istituzione. Parliamoci chiaramente, se la senatrice Paola Taverna fosse stata solo Paola Taverna, del suo passare a Tor Sapienza a nessuno sarebbe importato nulla. Di cittadini – alcuni anche attivi in organizzazioni di vario tipo – quanti ne passeranno questi giorni a guardare con i loro occhi? Se tu lo fai con un’attenzione diversa – da parte di media e cittadini – è proprio perché in quel luogo rappresenti un ruolo che hai scelto e questo ti conferisce onori e oneri. Per questo stesso motivo, davanti ad una contestazione, negare quel tuo ruolo è per me la più grande offesa che si possa fare ad un cittadino che – fino a prova contraria, ovvero un cambio del sistema politico – in quell’istituzione crede. E’ un’offesa perché rifiuti gli oneri – di cui le contestazioni sono parte – ma tieni gli onori, la visibilità, la possibilità di entrare in contatto con le persone e, non per ultimo, stipendio e rimborsi (che per quanto restituiti, restano comunque importanti). E’ un’offesa perché in quanto senatrice – e non “semplice” cittadina – tu hai la possibilità di incidere direttamente sulle politiche di un paese e sulle diverse problematiche. Per questo alcuni ti cercano apprezzandoti, altri ti cercano contestandoti. C’è un modo per andare a Tor Sapienza – o ovunque – e farlo non da politico, quello di dimettersi da Senatrice della Repubblica. Di certo così facendo difficile si subiscano contestazioni. Ma sarebbe solo perché nessuno ti cercherebbe più.

Insomma, sedere in Parlamento, portando in quei luoghi le proprie e le altri idee, dovrebbe essere innanzitutto un onore. Bisognerebbe essere fieri di rappresentare, lì, una parte del paese. E altrettanto fieramente – e la fierezza non ha nulla a che vedere con l’arroganza – bisognerebbe riconoscere il proprio ruolo. Ieri la Taverna non ha fatto nulla di questo. Per questo, pur non avendo votato lei o il suo partito, da cittadino che in quell’istituzione crede ancora – anche se vorrei una politica completamente diversa in quelle stanze -, mi sento terribilmente offeso.

Annunci

Informazioni su andrij83

Complesso, incantevole, difficile. Ma anche autoritario, arrogante, cinico, megalomane tendente all'egocentrico e un po' stronzo.
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Cittadini!

  1. and ha detto:

    Ciao ho cominciato a seguirti su Il Garantista e darò un’occhiata anche a questo sito.
    buona giornata
    and

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...