Trova la differenza

Oggi nel mio peregrinare quotidiano leggo questa notizia: “Sparò ai ladri che lo stavano derubando. Imprenditore condannato a risarcirli“. Una sentenza su cui sinceramente mi trovo d’accordo. Il motivo è semplice. Se fosse passata l’idea che sparare a chi entra nella tua proprietà per rubare è giusto, a quale tipo di imbarbarimento avremmo assistito? Quanti si sarebbero sentiti in diritto di sparare anche se ciò non fosse stato necessario? Magari contro dei ragazzini che avrebbero potuto scavalcare una recinzione per recuperare il proprio pallone (a me successe diverse volte, di scavalcare!). Una conseguenza troppo forzata? Sarà! Ma a mio modesto parere fin troppo possibile.

Poi stasera è arrivata un’altra notizia, quella della condanna definitiva per i fatti della scuola Diaz di Genova durante il G8. La notizia dell’imprenditore condannato e questa sul G8 hanno fatto cortocircuito nella mia mente. Ho così pensato ad un altro episodio: la morte di Carlo Giuliani in Piazza Alimonda.

Sono felice quando due fatti così diversi mi riportano alla stessa conclusione. Forse una certa coerenza di pensiero mi resta. Senza dilungarmi in ragionamenti, emozioni o qualsivoglia sentimento provai per la morte di Carlo Giuliani, una cosa dissi e continuo a dire a chi dà ragione al carabiniere che lo uccise (non cito Placanica perché, semplicemente, per me non è stato lui): come la si voglia vedere fu un eccesso di difesa. Non si può infatti paragonare un estintore lanciato contro una camionetta ad una pistola. Così come non si possono paragonare delle spranghe di ferro (le avrebbero usate?) ad un’arma da fuoco, nel caso dell’imprenditore.

Eppure quest’utlimo è stato condannato. Placanica (la seconda vittima di Piazza Alimonda, si, sono un dietrologo), no! Eppure se proviamo a mettere i due fatti sullo stesso livello e provassi a spengere il cervello, sarebbe sicuramente una difesa più giustificata quella dell’imprenditore che quella del carabiniere.

E allora, dove sta la differenza tra i due? Perché uno è andato a processo ed è stato condannato, mentre per l’altro il procedimento è stato addirittura archiviato?

Misteri! Solo per chi ancora crede che l’abito non faccia il monaco!

Annunci

Informazioni su andrij83

Complesso, incantevole, difficile. Ma anche autoritario, arrogante, cinico, megalomane tendente all'egocentrico e un po' stronzo.
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...